7 step per migliorare il tuo processo di creazione contenuti

7-step-per-migliorare-il-processo-di-creazione-contenuti

07 Dic 7 step per migliorare il tuo processo di creazione contenuti

Content is the king, il contenuto è re. Essere presenti nel mondo d’internet, sia per le aziende che per le persone, significa avere qualcosa da condividere con gli altri.
Oggi è più che mai importante, nella fase del web sociale, la realizzazione e la condivisione di contenuti adatti al tuo pubblico.
Il blog rappresenta il mezzo di comunicazione più adatto per esprimere le proprie idee ed opinioni.
Che cos’è il blog? È una sorta di diario pubblico dove tutti possono intervenire e commentare.
Un nuovo strumento digitale che porta la comunicazione sul web ad un nuovo livello, basato sulla reputazione e sul rapporto. Ogni contenuto creato andrà, piano piano, a conquistare la fiducia del tuo lettore, rendendoti sempre più autorevole nel tuo campo di riferimento.
I maggiori benefici che questo strumento può apportare al tuo business sono:
1) Accrescere il valore percepito della tua marca e dei tuoi prodotti/servizi (branding);
2) Migliorare la trasparenza della comunicazione;
3) Aumentare l’interazione con la tua community di riferimento;
4) Migliorare la visibilità online del tuo sito e farlo avanzare nei risultati nei motori di ricerca. [/ps_bg_text_color] Le aziende che utilizzano un blog generano il +55% di traffico web, +97% di inbound link (link da siti esterni che puntano verso il tuo sito) e +434% di pagine indicizzate sui motori di ricerca.
Per creare un blog di successo, bisogna spendere molto tempo a coordinare le diverse fasi come la definizione delle norme editoriali e l’editing degli articoli. Visioneremo assieme quali sono le fasi necessarie per lanciare un blog di successo.

Step 1: Definisci gli obiettivi del tuo blog

È essenziale come prima cosa definire perché tu stai scrivendo un blog. Quali sono i tuoi obiettivi? Vuoi attirare più traffico verso il tuo sito internet? Vuoi generare più leads? Vuoi educare i tuoi consumatori su un argomento specifico? Gli obiettivi ti aiutano a definire il tipo di contenuto su cui ti devi focalizzare.
Per esempio, se i tuoi obiettivi sono di attirare più traffico verso il tuo sito, dovrai pensarci due volte prima di postare un contenuto troppo tecnico. Invece, potresti scegliere di focalizzarti su un post formato lista, molto più semplice da leggere e da digerire per il tuo pubblico.

Step 2: Definisci le tue risorse disponibili

Non puoi imbarcarti nell’avventura di aprire un blog quando non hai un quadro completo delle risorse a tua disposizione. Poniti prima queste domande:
1) Ho del budget a disposizione? Se si, quanto?
2) Ho un team di scrittori interni all’azienda che posso usare?
3) Ci sono collaboratori esterni o guest blogger con cui posso lavorare?
4) Quanto tempo ho a disposizione per scrivere e per editare?
5) Quantoi articoli devo pubblicare?
Una volta che avrai risposto alle seguenti domande, avrai un’idea chiara delle risorse a tua disposizione.

Step 3: Annotati le possibili idee per gli articoli

Non sarai sempre in grado di schioccare le dita e trovare immediatamente idee per possibili post. Puoi facilitare il processo di creazione se ti annoti alcune idee. Prepara sempre, come piano B, un mese d’articoli pronti a disposizione, in questo modo riuscirai rapidamente a riempire gli eventuali buchi nel tuo planner.

cta 1

Web Audit?
Web Audit è un’attenta analisi delle prestazioni, delle strategie di marketing e delle politiche distributive complessive dell’hotel, con lo scopo di valutare le performance del sito internet ed agire tempestivamente per migliorarle. Grazie ai risultati della valutazione si potrà individuare la giusta strategia che permetterà alla struttura di raggiungere gli obiettivi, KPI e ROI, evidenziati all’inizio del progetto.
Nozio Business prevede l’individuazione dei punti di forza della struttura, l’ideazione di un piano di comunicazione e la progettazione del mix distributivo ideale, con lo scopo di promuovere il Sito Ufficiale e farlo diventare il primo canale distributivo.
Step 4: Usa con razionalità le tue risorse

Ora che hai definito quali sono gli obiettivi del tuo blog, puoi incominciare a distribuire le tue risorse.
Per esempio, se disponi di un po’ di budget, potresti considerare l’idea di assumere qualche scrittore freelance che ti aiuti. Mentre se hai a disposizione disponi un team interno di scrittori, dovrai collaborare assieme a loro nella stesura del planner degli articoli, facendogli capire quali sono le loro priorità.
Parti sempre dalla fine, chiedendoti quanti articoli ti servono per il periodo desiderato. In questo modo riuscirai ad avere l’intera visione del processo.

Step 5: Struttura il processo di creazione dei contenuti

È di vitale importanza mettere nero su bianco come si svolge l’intero processo di creazione dei contenuti. Questo include cosa ti aspetti da ogni post, quanto in anticipo i scrittori devono inviare gli articoli ecc.
Il punto principale di questa fase è definire quali sono le aspettative assieme ai tuoi collaboratori in modo da risparmiare tempo e stress nel lungo periodo. Ecco alcune cose su cui devi focalizzarti:

Raccomandazioni di formattazione per ogni tipo di post

Ci sono così tanti tipologie di post (tutorial, approfondimenti, post visuali ecc.) e sapere quali sono i pro e i contro di ognuno talvolta è difficile. Renditi la vita più facile, scrivendo quali sono le linee guida per ogni specifica tipologia di post. Per esempio, i post tutorial devono includere screen-shot del processo e istruzioni passo per passo.

Norme editoriali

Qualsiasi persona che ha editato un articolo saprà che correggere un articolo di qualcun altro richiede molto tempo. Definisci assieme ai tuoi collaboratori delle regole per la formattazione del post, affinché l’intero processo sia standardizzato e tu non debba perdere troppo tempo nell’editing degli articoli.
Importante da definire:
– Eventuali intestazioni;
– Formato immagini (dimensioni, tipologia file ecc.);
– Uso dell’elenco puntato vs elenco numerato.

Scelta delle Call to Action

Ogni post di un blog dovrebbe includere una call to action – il mezzo perfetto per convertire i tuoi lettori in potenziali clienti. Sta a te oppure ai tuoi collaboratori definire le call to action per i vari post.

Step 6: Chiedi ai tuoi colleghi degli altri reparti di scrivere nel blog

Se per caso sai che ci sono dei buoni scrittori all’interno della tua azienda che potrebbero scrivere un buon contenuto, parla con loro per coinvolgerli. I tuoi colleghi del reparto vendite oppure del customer service, i quali interagiscono ogni giorno con i clienti, potrebbero avere delle buone idee per dei possibili articoli. Non sai mai quali tesori si possono nascondere all’interno della tua azienda.
Lavora assieme ad ognuno dei tuoi potenziali scrittori per capire quale tipologia di contenuto sono più portati a scrivere. Se non sono a loro agio a scrivere su un certo tema, non forzarli.
Ci vorrà un po’ di tempo prima che i potenziali scrittori si adattino a scrivere per il blog aziendale, ma una volta che avranno iniziato, saranno più propensi a scrivere.
Considera inoltre che il punto di forza di una persona non potrebbe risiedere nella scrittura. Per esempio qualcuno si sentirà più a suo agio nel creare immagini, contribuendo alla realizzazione d’infografiche o contenuti visuali.

Step 7: Pianifica i tuoi contenuti

Una volta che avrai dei buoni contenuti da pubblicare, sarai pronto per programmarli. In basa alle tue risorse disponibili, dovrai decidere la frequenza di pubblicazione su base settimanale o mensile.
Un ottimo strumento per pianificare la pubblicazione dei contenuti è Google Calendar.
Puoi dirottarti anche su altri applicazioni, a pagamento e non, ma l’applicazione di Google risulta la migliore per semplicità e funzionalità.
Puoi creare un calendario per ogni tipo di attività e condividerlo con i tuoi collaboratori in un attimo.

google calendar

Grazie alla sua semplice interfaccia, avrai in ogni momento (anche su dispositivi mobile) il quadro completo del tuo processo editoriale e potrai facilmente cambiare data a tuoi articoli.
Inoltre per rendere il tuo processo di creazione di contenuti ancora più rapido, puoi adottare il servizio cloud Google Drive.
Con questo servizio, potrai salvare in remoto i tuoi lavori, condividerli con il tuo team  e visualizzarli da qualsiasi pc, creando una vera e propria catena di montaggio.

CTA NOZIO WEBINAR ONDEMAND