“NO, alla parità della disponibilità imposta unilateralmente dai canali di intermediazione”: analisi del terzo punto del manifesto Hotrec

10 Dic “NO, alla parità della disponibilità imposta unilateralmente dai canali di intermediazione”: analisi del terzo punto del manifesto Hotrec

Continua l’analisi del Manifesto Hotrec, caposaldo per le strutture turistiche che vogliono rendersi più indipendenti dalle OTA.

In questo post analizzeremo il terzo punto del manifesto che dice testualmente:

3. “NO, alla parità della disponibilità imposta unilateralmente dai canali di intermediazione” (ovvero Expedia, Booking & Co.); albergatori, tenetevi le ultime camere da vendere attraverso il vostro Sito Ufficiale.

Ma questo cosa significa per me albergatore?

Significa che tenere le ultime camere disponibili della struttura, permette di gestire al meglio l’equilibrio fra prezzo di vendita e occupazione della struttura. Soprattutto per gli hotel di piccole-medie dimensioni o stagionali, questa è una pratica importante.
Nella maggior parte dei casi le OTA, grazie alla loro forza contrattuale, chiedono le ultime camere disponibili della struttura garantendo la vendita delle stesse in tempi brevi. Obiettivo che non è sempre raggiunto.

Albergatori non fatevi ingannare! Se lasciate le vostre ultime camere agli intermediari, perdete una possibilità di guadagno. Secondo le logiche di Revenue Management, quando ci sono poche camere disponibili in un determinato periodo, queste camere possono essere vendute a un prezzo superiore a quello standard visto l’alta richiesta e la bassa sensibilità al prezzo del consumatore finale.
In poche parole, il cliente sarà disposto a pagare un prezzo superiore pur di ottenere la camera.
Lasciando la vostre ultime camere alle OTA, a parte la perdita di guadagno, scaricate parte del rischio d’impresa a questo intermediario che non sempre mantiene la promessa della vendita garantita delle ultime camere.

Come faccio a tenere le camere per me?

Questa situazione dipende molto dalle politiche contrattuali stabilite tra l’albergatore e il grande intermediario; in occasione della BTO 2013, Marco Baldan (AD Nozio) ha affermato che il modo più efficace per gli albergatori per fare valere le  proprie ragioni è di unirsi. Fare massa critica è il modo per rivedere i contratti con le OTA internazionali.

Inoltre, nella propria strategia è importante di diversificare la propria distribuzione, dotandosi di strumenti che gli consentano di vendere direttamente al consumatore evitando che il suo flusso di prenotazioni sia affidato principalmente ai suoi intermediari.

Che strumenti si possono utilizzare?

Affidarsi a un booking engine versatile con un interfaccia facile da utilizzare permette ai viaggiatori di prenotare le camere direttamente dal Sito Ufficiale, usufruendo di tariffe vantaggiose e di servizi aggiuntivi che le OTA non propongono, il tutto offerto in un’interfaccia grafica semplice e accattivante.

Tu sei d’accordo con il punto della Hotrec? Come ha deciso di affrontare questa situazione?

Vuoi saperne di più sulle possibili strategie e soluzioni per ottimizzare la tua distribuzione?

CONTATTACI

 

immagine in evidenza:http://goo.gl/RDft49