TripBarometer: cosa cercano e chi sono gli utenti di TripAdvisor?

Cosa cercano e chi sono gli utenti di TripAdvisor - Nozio Business

22 Nov TripBarometer: cosa cercano e chi sono gli utenti di TripAdvisor?

33 i paesi, 36.000 i partecipanti ad un recente report di TripAdvisor che si propone di analizzare le diverse tipologie di viaggiatori ed il modo in cui essi cercano e prenotano i propri viaggi.

I risultati dell’indagine sono decisamente interessati e di seguito riassumiamo gli aspetti chiave.

La ricerca e il percorso verso l’acquisto

Il 59% dei viaggiatori ricerca informazioni sul viaggio tra un mese e tre mesi prima della partenza e quasi la metà prende una decisione entro una settimana.

1-tempi-inizio-ricerca-viaggio

Sebbene ci siano alcune differenze per fascia d’età: i viaggiatori che hanno oltre 55 anni, ad esempio, tendono ad iniziare la ricerca con più anticipo.

2-differenze-eta-inizio-ricerca-viaggio

La Destinazione è il punto di inizio della ricerca per il 74% dei viaggiatori.

Tip:
Creare contenuti focalizzati sulla destinazione, pubblicandoli sul Sito Ufficiale dell’Hotel e sui social network è il modo per gestire questa fase iniziale di ricerca e per sollecitare la sfera emotiva che può convincere i turisti a scegliere un hotel piuttosto che un altro.

3-da-cosa-inizia-la-ricerca-del-viaggio

Per contro, tra i viaggiatori che non iniziano la ricerca partendo dalla destinazione, il 30% prende come punto di partenza la ricerca di un alloggio.

Lo studio suddivide gli utenti in base al comportamento e individua 4 diversi segmenti.

1. Flight bookers (48%)
Iniziano la ricerca e la prenotazione partendo dal volo aereo e in seconda battuta ricercano l’alloggio. Questo comportamento è più comune per i viaggi di lunga durata.

2. Hotel bookers (29%)
Il punto di partenza è l’alloggio. Questi utenti scelgono la destinazione in base al prezzo dell’Hotel. Tale approccio è comune ai viaggiatori “weekend break”.

3. Balanced bookers (10%)
Cercano alloggio e volo contemporaneamente e solo dopo continuano con la prenotazione. La cultura della destinazione è la leva più importante per questo segmento.

4. Mavericks (13%)
Saltano la fase della ricerca e passano direttamente a quella di prenotazione. Solitamente sono business traveler e viaggiatori abituati ad andare ogni anno nella stessa destinazione.

4-segmenti-comportameno-viaggiatori

Cosa spinge a scegliere una destinazione? Le motivazioni personali

In generale, per i 4 segmenti citati le motivazioni chiave per scegliere una destinazione sono la cultura, il prezzo complessivo del viaggio ed il clima.

5-fattori-chiave-scelta

Focalizzandoci sul target degli Hotel Bookers, si nota che al prezzo dell’alloggio e alla cultura della destinazione si aggiunge l’aspetto “family-friendly” della destinazione.

6-hotel-bookers

Una differenza rilevante si osserva analizzando le risposte per fascia d’età. Difatti, nella fascia 18-34 anni giocano un ruolo importante, nell’ordine, il prezzo, la destinazione stessa e i consigli di amici e parenti; per contro, i viaggiatori +55 anni hanno uno stile più legato alle abitudini, preferendo andare ogni anno nella stessa destinazione.

7-fattori-di-scelta-per-eta

Tip:
I metasearch come TripAdvisor, Trivago, Google Hotel Ads, Kayak, etc servono a comparare i tutti prezzi relativi ad un Hotel disponibili online. Con Nozio Premium Ads & Price puoi presidiare tali spazi attivamente, con una campagna di visibilità sul prezzo, e mostrare a milioni di viaggiatori che la tariffa migliore è disponibile solo sul booking engine dell’Hotel.

Online vs. offline, qual è il canale preferito?

I viaggiatori quando devono scegliere una destinazione si trovano a proprio agio sia con i canali online che con quelli offline; sebbene i canali digitali siano quelli più utilizzati (73% contro il 62%).

8-online-vs-offline-destinazione

Mentre, senza troppe sorprese, la bilancia tende decisamente a favore dei canali online (86% contro 50%) quando gli utenti vogliono trovare e prenotare l’alloggio.

9-online-vs-offline-alloggi

Chi sono i viaggiatori che usano TripAdvisor?

La ricerca di TripAdvisor identifica 6 diverse tipologie di viaggiatori sulla base dei propri bisogni.

Value seekers 17%
Hanno tra 25 e 34 anni, viaggiano spesso in compagnia dei figli e hanno un reddito familiare medio. Il loro obiettivo principale è di sfruttare al meglio la propria vacanza. Si appoggiano a TripAdvisor per cercare offerte, servizi di babysitting e kid club soprattutto utilizzando lo smartphone.

Luxury travelers 19%
Hanno tra 25 e 49 anni, viaggiano con il proprio partner, dispongono di un reddito alto e sono viaggiatori propensi a spendere.

Social travelers 16%
Compresi tra 25 e 49 anni, non amano viaggiare da soli, preferiscono passare il tempo con amici e parenti e tendono a partire con i propri figli. Hanno un reddito familiare medio-alto. Sono molto influenzati dal passa parola e dei consigli di altri viaggiatori.

Independent travelers 31%
Sono compresi nella fascia 25-49 anni, amano viaggiare da soli e prendere decisioni senza farsi influenzare. Sono spinti dalla scoperta di altre culture e amano l’avventura. È un segmento propenso anche a condividere le proprie esperienze su TripAdvisor e sui Social network.

Researchers 35%
Sono alla ricerca del viaggio perfetto. Passano molto tempo nella ricerca della destinazione, attività, alloggi e ristoranti. Non hanno remore a spendere un po’ di più per qualcosa che ritengono speciale. Viaggiano in compagnia e solitamente preferiscono effettuare ricerche da desktop. Hanno 25-49 anni ed un reddito familiare alto.

Habitual travelers 7%
Vanno dritto al sodo, sono viaggiatori alla ricerca di soluzioni semplici e veloci. Tendono a scegliere la stessa destinazione per risparmiarsi il tempo dedicato alla fase della ricerca. Tendono a viaggiare da soli e scelgono di non fare tante attività perché vogliono soprattutto rilassarsi. Sono compresi nella fascia 35-64 anni e di solito hanno un reddito basso.

Conclusioni

Tutti questi dati sono utili per impostare una strategia di hotel marketing efficace, basata su dati concreti. Avendo ben chiaro in mente chi sono i viaggiatori, cosa cercano, a quale fascia d’età appartengono, come preferiscono viaggiare, proponendo soluzioni adatte ad ogni segmento.

Ad esempio, si possono creare diverse offerte sul Sito Ufficiale dell’Hotel e collegarle al booking engine, impostare la strategia di comunicazione in base alle preferenze dei viaggiatori e proporre loro la soluzione più adatta ai propri bisogni.

ATTRACT» CONVERT» SHARE è la strategia che mira a massimizzare le vendite dirette portando visite di qualità sui Siti Ufficiali degli Hotel, convertendo le visite in prenotazioni e trasformando i clienti nei primi ambassador!

 

Fonte: TripBarometer