I viaggiatori preferiscono prenotare sui Siti ufficiali degli hotel

30 Giu I viaggiatori preferiscono prenotare sui Siti ufficiali degli hotel

Compagnie aeree e hotel hanno una marcia in più rispetto alle agenzie di viaggio online (OTA) quando si parla di prenotazioni digitali, secondo una ricerca Criteo e PhoCusWright.

web marketing turistico

Questo studio ha preso come campione rappresentativo la popolazione adulta (maggiore di 18 anni) del Nord America che negli ultimi 12 mesi ha effettuato un viaggio di piacere (almeno 120 km distante dalla propria casa). Tra gli intervistati, il 41% ha prenotato direttamente sul sito del vettore aereo o tramite l’app dedicata, mentre il 16% lo ha fatto tramite un’OTA.
Lo stesso discorso vale per le prenotazioni online degli hotel: oltre un terzo dei rispondenti ha utilizzato il sito ufficiale o l’app per il pernottamento, mentre solo un quarto ha prenotato tramite un’OTA.

Secondo questa ricerca, i viaggiatori leasure hanno un rapporto più diretto e profondo con il brand dell’hotel o della compagnia aerea, piuttosto che con quello dell’OTA.
Quando agli intervistati è stato chiesto se hanno sottoscritto o meno newsletter di aziende turistiche, il 34% ha affermato di aver sottoscritto newsletter di hotel e il 32% quelle dei vettori aerei. Contemporaneamente, solo il 26% degli intervistati ha sottoscritto quelle delle OTA.

Il fenomeno viene ribadito anche da una ricerca di UBS rilasciata nel marzo 2015: le OTA stanno lentamente perdendo quote di mercato nel totale delle vendite online del comparto turistico del Nord America, passando da 33.7% al 33.2% nel periodo tra il 2013 al 2015. Entro il 2019, le OTA conteranno meno del 30% del totale.

blog turismo

Il gruppo finanziario elvetico ha rilevato che le vendite digitali dirette degli hotel passeranno dal 53.3% del 2013 al 53.8% del 2015, con un picco del 54.8% nel 2019. Intanto, le OTA sono destinate ad una lento declino delle vendite da 46.2% del 2015 al 45.2% del 2019.
eMarketer stima che ci saranno circa 110.7 milioni di viaggiatori americani che prenoteranno le proprie vacanze su internet quest’anno. Tale attività spingerà le vendite digitali a circa $167.99 miliardi.

Nozio e la valorizzazione del canale diretto

Noi di Nozio, fin dal 1996, abbiamo sempre affermato che per costruire un turismo più economicamente e socialmente sostenibile, è necessario valorizzare il canale diretto della struttura turistica: accorciando la catena distributiva e garantendo un adeguato flusso d’investimento, si può favorire la propria azienda, il proprio brand, il proprio territorio e risparmiare sui costi di intermediazione.

Noi che abbiamo sempre posto la vendita diretta come obiettivo principale per il successo di un albergo , abbiamo lanciato recentemente un nuovo paradigma di hotel marketing per rispondere al meglio alle mutevoli dinamiche del settore turistico.

ATTRACT > CONVERT > SHARE

The Next Hotel Marketing Standard

ATTRACT> CONVERT> SHARE: ognuna di queste parole rappresenta uno step fondamentale per sviluppare strategie di marketing volte a massimizzare le vendite dirette.

1) ATTRACT. Non si può più pensare che nel 2015 per vendere online, basti essere presente con un semplice sito web; sono essenziali delle strategie volte ad attirare traffico qualificato. Bisogna farsi trovare negli ambienti dove i viaggiatori effettuano le ricerche per i loro viaggi. Al posto giusto al momento giusto. Le azioni principali che rientrano in questa fase sono SEO e SEM per migliorare il posizionamento tra i risultati dei motori di ricerca; collegamento diretto con i metamotori di ricerca (Trivago, Kayak ecc.); re-marketing per migliorare i tuoi tassi di conversione e social campaign tra i social network più popolari per coinvolgere attivamente il tuo target di riferimento.

2) CONVERT. In questa seconda fase, si cerca di convertire tutti i visitatori del sito web in prenotazioni, aumentando quindi le vendite dirette. Le azioni principali sono l’adozione di un sito CMS multidevice per creare un portale di facile gestione e fruibile in qualunque risoluzione (desktop, mobile, tablet); la realizzazione di landing page di design accattivante e call to action grafiche per indurre maggiormente l’utente all’azione; infine, una distribuzione multicanale e l’adozione di un booking engine rappresentano la strategia per massimizzare il profitto con particolare attenzione al canale diretto.

3) SHARE. Il tuo cliente può essere il tuo alleato più prezioso: se il cliente è soddisfatto del servizio/prodotto acquistato, sarà disposto a parlarne bene con i suoi amici e parenti, condividendo la sua esperienza sui suoi profili social preferiti. Grazie all’utilizzo di strumenti di brand advocacy integrati nel booking engine, avrai la possibilità di trasformare i tuoi clienti in promotori qualificati della tua struttura, migliorando al tempo stesso la tua reputazione e le tue vendite.

Invece tu cosa ne pensi del canale diretto? È essenziale o meno per una struttura turistica?

CTA-ATTRACT---CONVERT---SHARE-V5

Fonti: EmarketerFreepik