I turisti internazionali cinesi e le nuove opportunità per il futuro

I turisti internazionali cinesi e le nuove opportunità per il futuro - Nozio Business

12 Apr I turisti internazionali cinesi e le nuove opportunità per il futuro

Entro il 2020 con 90 milioni di viaggi la Cina diventerà uno dei principali paesi al mondo per numero di partenze. Questo è quanto afferma un recente rapporto a cura di Euromonitor International.

Un bacino di viaggiatori enorme che dovrebbe arrivare al numero di 126 milioni di viaggi outgoing entro il 2030! Una cifra che porterà la Cina davanti a nazioni storicamente votate ai viaggi oltreconfine come USA, Germania e Regno Unito.

La Cina oggi è il secondo mercato al mondo per numero di consumatori. Grazie alla costante crescita economica, nelle ultime decadi la classe media cinese è diventata più numerosa e ha a disposizione una maggiore facoltà di spesa per i propri viaggi, specialmente per quelli oltre i confini nazionali.

In Giappone hanno addirittura coniato un termine per definire il turista cinese: bakugai, traducibile come “acquisto esplosivo”. Il termine indica l’abitudine dei turisti cinesi di svuotare gli scaffali dei supermercati nipponici e denota il forte impatto dei turisti cinesi in settori merceologici diversi dall’ospitalità.

Bakugai

(Image: Chester / Flicker, used under CC)

 

Le cause

Questa nuova ondata di viaggiatori ha origine da una serie di fattori economici e culturali che ne determina una maggiore maturità in relazione al turismo.

I motivi principali sono i tassi di cambio favorevoli allo Yuan rispetto alle altre monete nazionali e un aumento sul territorio cinese di aeroporti e compagnie aeree internazionali. Inoltre, l’intensificarsi della competizione tra le agenzie di viaggi, soprattutto quelle online (OTA),  ha aperto una guerra dei prezzi di cui i viaggiatori orientali possono godere.

I paese preferiti dai turisti cinesi

I paesi asiatici per chiare motivazioni legate agli aspetti culturali ed economici sono storicamente tra le mete preferite dai cinesi. Via via si assiste però ad una maggiore consapevolezza dei turisti cinesi. Questi si affacciano su destinazioni emergenti, caratterizzate da un mercato ricettivo maturo e dalla possibilità di fare shopping di lusso.

In tal senso Europa e USA hanno guadagnato popolarità grazie alla presenza di numerose attività culturali, parchi naturali, arte e una grande varietà di città da visitare.
L’Euromonitor prevede che entro il 2019 dovremmo preparaci per accogliere oltre 10 milioni di viaggiatori cinesi in Europa, partendo dagli 8,6 milioni previsti per il 2015.

Il Vecchio continente esercita la sua attrazione grazie alla sua storia e alle sue tradizione, oltre che per i famosi brand legati alla moda e al lusso: Parigi, Milano e Londra sono le città che offrono maggiori opportunità di fare shopping e i viaggiatori cinesi amano fare acquisti nelle città della moda.
La sfida continentale della meta preferita è vinta dalla Francia con 1,9 milioni di viaggi preventivati nel 2019.

Come farsi scegliere dai turisti cinesi?

I consumatori cinesi utilizzano costantemente i propri smartphone e la connettività mobile è destinata a crescere ulteriormente nei prossimi anni.

Il report ci fa scoprire alcune leve importanti per i viaggiatori orientali. I turisti oggi si aspettano la possibilità di pagare online, di consultare i siti web nella propria lingua o di utilizzare la UnionPay (la carta di credito più diffusa in Cina).

Inaspettatamente i turisti Cinesi sono sensibili al tema della sostenibilità ambientale, un’attitudine che nell’immaginario comune non appartiene alla sensibilità cinese a causa del livello di inquinamento elevato e della qualità dell’aria del loro Paese.
Tuttavia, probabilmente proprio per questo motivo, il 43% dei turisti ha risposto che il turismo sostenibile è un fattore di scelta nella valutazione di una destinazione turistica.

Questo significa che sostenibilità e corporate social responsibility diventeranno sempre più importanti agli occhi dei cinesi alla ricerca di una viaggio.

In base alle leve che determinano la scelta del viaggio, per intercettare i turisti e al contempo incrementare il fatturato diretto dell’hotel occorre:

  • presidiare i punti frequentemente utilizzati dai viaggiatori per reperire informazioni determinanti per le proprie decisioni, quindi metamotori e motori di ricerca;
  • prevedere il Sito Web Ufficiale in versione responsive ed in lingua, per consultare il sito da dispositivi fissi e mobile e ridurre le barriere linguistiche;
  • beneficiare di un booking engine in grado di creare pacchetti che promuovano le bellezze della destinazione in concomitanza con le festività cinesi, come ad esempio il Capodanno, in modo che il viaggiatore prenoti direttamente dal canale proprietario dell’Hotel.

 

 

Fonte: Euromonitor International